Inarcassa

DAL DELEGATO INARCASSA – ALCUNE NOTIZIE

DEROGA AL MINIMO SOGGETTIVO.

La norma prevede la possibilità di derogare all’obbligo della contribuzione minima soggettiva per un massimo di 5 anni – anche non continuativi – nell’arco della vita lavorativa, per chi produce redditi inferiori al valore corrispondente al contributo minimo soggettivo.

Pertanto, chi prevede di conseguire nel 2024 un reddito professionale inferiore a 18.586,00 euro può non versare il contributo soggettivo minimo e pagare il 14,5% del solo reddito effettivamente prodotto entro dicembre 2025, dopo la presentazione della dichiarazione on line.

Nel corso dell’anno di deroga restano garantiti i servizi di assistenza (maternità, sussidi, indennità temporanea inabilità, mutui, finanziamenti) così come la possibilità di presentare domanda di riscatto (laurea, servizio militare, periodi di lavoro all’estero) o di ricongiunzione dei periodi assicurativi maturati presso altre gestioni previdenziali.

La richiesta va inoltrata tramite l’applicazione dedicata, già disponibile su Inarcassa On Line, entro il 31 maggio p.v.

Il contributo minimo integrativo e il contributo di maternità vanno comunque versati entro i termini previsti (30 giugno e 30 settembre dell’anno in corso)

https://www.inarcassa.it/articoli/deroga-contributo-minimo-soggettivo

 

RILASCIO CERTIFICATO DI REGOLARITA’.

Il certificato di regolarità, richiesto dal sito per le STAP o da Inarcassa On Line per gli associati, viene spedito automaticamente via PEC

Se la posizione non è conforme, viene inviata una notifica al professionista, che ha 15 giorni per regolarizzare il debito o l’omessa dichiarazione dei redditi.

Non è necessario comunicare la regolarizzazione alla Cassa, poiché il sistema, che esamina le posizioni ogni tre ore, non appena ne rileva la registrazione, invia autonomamente il certificato via PEC.

In caso di urgenza, consigliamo di evitare versamenti tramite il modello F24, che richiedono circa 30 giorni per l’attribuzione in estratto conto.

 

BANDI 2024 PRESTITI D’ONORE E FINANZIAMENTI IN CONTO INTERESSI.

Dal 1° aprile saranno indetti i nuovi bandi

Prestiti d’onore per i giovani iscritti under 35 (anche riuniti in associazioni, società di professionisti e tra professionisti) e le professioniste madri di figli in età scolare, (fino a € 15.000, con il 100% degli interessi a carico di Inarcassa)

Finanziamenti agevolati in conto interessi, finalizzati all’allestimento, al potenziamento dello studio e allo svolgimento d’incarichi professionali (fino a € 30.000, con l’abbattimento in conto interessi del 3% a carico Inarcassa).

I bandi 2024 saranno disponibili nella sezione Assistenza del sito dal prossimo primo del mese

 

ESTINZIONE ANTICIPATA DEI PIANI DI RATEAZIONE.

È possibile estinguere anticipatamente i piani di rateazione su Inarcassa On Line, esclusi quelli per riscatto e ricongiunzione.

Basta selezionare il piano desiderato nella sezione “Estratto Conto -> Rateizzazioni in corso” e cliccare su “Estingui piano”. Dopo la procedura, si riceverà un avviso di pagamento PagoPA nella sezione “Adempimenti -> Gestione pagamenti”, da saldare entro 5 giorni.

Il piano rimarrà attivo fino all’acquisizione del versamento, altrimenti continuerà normalmente con le trattenute mensili SDD.

Per estinguere i piani meglio non usare il modello F24, per via dei tempi tecnici di rendicontazione

ALBERTO POMARO

SCADENZE INARCASSA

  • Dichiarazione 2022

È in linea su iOL la dichiarazione relativa all’anno 2022, che deve essere presentata, da iscritti, non iscritti e società, in via telematica, entro il 31 ottobre p.v..

Ricordiamo che la richiesta di rateazione del conguaglio annuale può essere inoltrata da tutti gli associati, anche non regolari, scegliendo l’opzione dedicata nella dichiarazione, o tramite l’apposita funzione entro il 30 novembre.

Entro il 31 Agosto gli Ingegneri e Architetti con p. iva, iscritti all’albo ma non iscritti Inarcassa, nonché le Società di ingegneria, sono tenuti a versare il contributo integrativo eventualmente dovuto, relativo al volume d’affari 2022. L’avviso di pagamento PagoPA va generato su Inarcassa On Line. Contestualmente (e comunque entro il 31.10.2023) è possibile effettuare anche la Dichiarazione.

Sono esonerati dall’invio della comunicazione gli ingegneri ed architetti non iscritti a Inarcassa che:

  • per l’anno 2022 siano privi di partita IVA;
  • siano iscritti anche in altri Albi professionali e, a seguito di espressa previsione legislativa, abbiano esercitato il diritto di opzione per l’iscrizione ad altra Cassa Previdenziale con decorrenza anteriore al 2022.

Per gli eredi dei professionisti deceduti nel corso del 2022 il termine per l’invio della comunicazione e per il pagamento degli eventuali contributi è prorogato di dodici mesi dalla data dell’avvenuto decesso.

La guida e tutte le informazioni sono disponibili al seguente link: https://www.inarcassa.it/articoli/guida-alla-dichiarazione-line-2022

  • Contributi minimi 2023 da versare entro il 30 settembre

I contributi minimi 2023 si possono pagare esclusivamente con Pago PA o con F24.

L’avviso di Pago PA si può stampare e pagare presso qualsiasi sportello abilitato oppure pagare direttamente on-line.

Il Modello F24 si può stampare per essere utilizzato:

-in caso di utilizzo di crediti in compensazione, come guida per i versamenti telematici

-direttamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (“F24 web” e “F24 online”) utilizzando i canali Entratel o Fisconline

-tramite gli intermediari (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.)

-come guida per i versamenti telematici mediante i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia (banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione, prestatori di servizi di pagamento)

NB: Il pagamento tramite modello F24 coinvolge, oltre la banca, anche l’Agenzia delle Entrate e la Banca d’Italia e l’acquisizione dell’incasso in estratto conto può subire ritardi fino a 30 giorni, fatta salva la data di regolamento

  • Contribuzione ridotta per i giovani iscritti:

I giovani ingegneri ed architetti che si iscrivono o che si reiscrivono ad Inarcassa prima di aver compiuto i 35 anni di età beneficiano della riduzione contributiva per 5 anni a partire dall’anno di prima iscrizione a prescindere dal mese e comunque non oltre il trentacinquesimo anno di età.

Tale beneficio si applica anche nei casi di reiscrizione se interviene durante il periodo di contribuzione agevolata. La contribuzione ridotta è applicata solo se il reddito professionale dichiarato è inferiore al limite di reddito, per la contribuzione ridotta, determinato dal CdA, in base all’art. 4.4 del Regolamento Generale di Previdenza. Tale limite per il 2023 è di € 31.704,00,( reddito prodotto nell’anno 2023). Gli anni a contribuzione ridotta saranno accreditati per intero agli associati che, al momento di andare in pensione, potranno vantare almeno 25 anni – anche non continuativi – d’iscrizione con contribuzione piena.

Tutte le informazioni al link: https://www.inarcassa.it/articoli/contributi-ridotti-i-giovani-iscritti

  •  Fondo di Garanzia PMI

Con circolare n. 12 del 28 giugno 2023, Mediocredito Centrale ha comunicato l’avvio operativo dell’accordo sottoscritto con Cassa Depositi e Prestiti grazie al quale è stata creata una Sottosezione dedicata a Inarcassa destinata ad integrare la garanzia fino al livello massimo consentito dalla normativa del Fondo PMI. Gli Associati, le loro Associazioni e le Società di Professionisti (SdP) e tra Professionisti (StP), ora possono accedere più facilmente al credito finalizzato al finanziamento delle esigenze di capitale circolante e/o di investimento connesse all’attività professionale.

Tutte le informazioni sono disponibili al seguente link  https://www.inarcassa.it/articoli/fondo-di-garanzia-pmi

In collaborazione con il delegato Inarcassa Architetto Alberto Pomaro tel.3484105898

Brochure Inarcassa

Inarcassa ha realizzato una brochure informativa con l’intento di raccogliere in un format agevole tutte le indicazioni sulla nostra Cassa di previdenza, da fornire a coloro che scelgono di costruire il proprio futuro attraverso la libera professione in modo da facilitare il loro approccio all’Ente.

Brochure Inarcassa

Deroga al minimo soggettivo, entro il 31 maggio

IOL Gli associati che ritengono di produrre un reddito 2016 inferiore a 15.724 euro possono scegliere di non versare il contributo soggettivo minimo e pagare il 14,5% del solo reddito effettivamente prodotto entro dicembre 2017. La deroga deve essere richiesta entro e non oltre il 31 maggio, in via telematica tramite l’applicativo disponibile nel menù “Agevolazioni” su Inarcassa On line. Attenzione alle controindicazioni: informati nelle pagine del sito.

inarcassa.it/site/home/news/articolo6851

Il cinque per mille per l’assistenza ai colleghi in difficoltà

L’Agenzia delle Entrate ha inserito Inarcassa tra gli Enti del volontariato che possono beneficiare della raccolta del 5 per mille, in qualità di Associazione di diritto privato senza scopo di lucro. Con il cinque per mille ad esempio si potrà ampliare la tutela a favore degli associati non autosufficienti e sostenere le famiglie con figli disabili. Chi vorrà aderire a questa iniziativa potrà apporre la propria firma nello spazio “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale…” del modello 730 o UNICO indicando il

codice fiscale di Inarcassa 80122170584
link:  www.inarcassa.it/...